Ritratto della zia

1930                                                                                                                                                                                              inchiostro su carta                                                                                                                                                                                cm 34,5 x 32

Scipione disegna di getto centinaia di soggetti, particolarmente felice la sua produzione di ritratti di familiari e soprattutto amici, con una linea pura ed espressiva. Mentre nel ritratto della zia, che è parte di una serie di disegni molto simili con il medesimo soggetto, c’è una maggiore attenzione al dettaglio decorativo, specie nella capigliatura, in quello di Rodolfo Kassner la linea è più sintetica, volta a connotare in modo incisivo l’espressione del volto.